Top

C‘é un paesino in Sardegna, in cui il tempo sembra essersi fermato. Parlo di Lollove, piccolo paesello della Barbagia in provincia di Nuoro da cui dista una quindicina di km.

Abitato da sole 13 persone , non ha subito la contaminazione della modernità ed è rimasto fermo come fosse ancora medioevo.

Però sembra esserci un perché al fatto che non sia mai cresciuto.

Narra la leggenda che le suore della chiesetta di Santa Maria Maddalena furono accusate di aver avuto relazioni amorose coi pastori della zona , in seguito scomunicate , lanciarono una maledizione che sembra essersi avverata:

“Lollove as a esser chei s’abba è su mare: no as a crescher nen parescher mai!” ( Lollove sarai come l’acqua del mare, non crescerai e non morirai mai!)

A me piace credere che sia successo davvero come narra la leggende, che per quanto leggenda ha sempre un fondo di verità. E perché in fondo un pò le leggende ci fanno immaginare un sacco di cose.

Il premio Nobel Grazia Deledda fu ispirata appunto da Lollove per l’ambientazione di uno dei suoi celebri romanzi, La Madre, che narra appunto la storia proibita tra il giovane prete del paese e di Agnese, che non potevano amarsi alla luce del sole e farsi vedere dal resto della comunità.

 

lollove1

“Lollove”

lollove2

“Lollove”